Blue Flower

E' il titolo del libro intervista di Immacolata Cerasuolo, di seguito il link per scaricarlo gratis

Nata a Napoli il 18 giugno 1980 inizia a nuotare all’età di 7 anni per un accenno scoliotico, la passione per il nuoto la porta per nella pre-agonistica e poi nell’agonistica. Alta, bionda, occhi verdi e sorriso che incanta, la ventiseienne napoletana Imma Cerasuolo è un'atleta fuori dal comune: catapultata da un grave incidente in moto dal mondo degli atleti "normodotati" a quello dei disabili (ha perso l'uso del braccio destro), non s'è scoraggiata ed è riuscita a vincere.

Dapprima due medaglie d'argento ai mondiali di nuoto per disabili in Argentina, poi la medaglia d’oro dei 100 metri farfalla e la medaglia d’argento dei 200 metri misti ai Giochi Paraolimpici di Atene nel 2004. Il Coni l'ha nominata "atleta dell'anno".

Oltre che sulla sua grande determinazione, la Cerasuolo ha potuto contare sul sostegno del Centro Ester di Barra, una Onlus che svolge attività educative, culturali, sociali e riabilitative nella periferia napoletana ed è affiliata alla Federazione Italiana Sport Disabili.

"Imma è la dimostrazione che con la volontà e l'impegno nello sport si possono superare tutte le barriere", ha detto l'Assessore allo Sport Giulia Parente, alla consegna alla giovane atleta di un attestato di riconoscimento alla carriera, assicurando anche l'impegno del Comune di Napoli ad abbattere le barriere architettoniche in tutti gli impianti sportivi della città e della provincia.

Imma Cerasuolo farà parte della squadra azzurra per le paralimpiadi di londra 2012, allenata da Vela Umberto.

L'atleta premiata dal Coni quale "atleta dell'anno" riceverà un riconoscimento anche dal sindaco Rosa Iervolino


Napoli. Domani, giovedì 7 ottobre 2004, alle ore 11:00, nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo - il Sindaco di Napoli Rosa Iervolino Russo e l'Assessore allo Sport Giulia Parente incontreranno l'atleta Imma Cerasuolo, reduce dai successi della Paraolimpiade di Atene dove ha conquistato la Medaglia d'Oro nei 100m farfalla e la Medaglia d'Argento nei 200m misti.

Nell'occasione il Sindaco consegnerà alla nuotatrice ventiquattrenne del Centro Ester di Barra, premiata dal Coni come "atleta dell'anno", un attestato di riconoscimento alla carriera

Partire per Atene è già stata una conquista poi quando sai di vincere è meraviglioso. Siamo in un mondo che fa finta di metterci a confronto con gli altri - ha spiegato Imma Cerasuolo - ma che, in realtà, si dimentica di noi.

Ora vorrei non essere solo un fenomeno da mettere sui giornali ma un esempio per tutte le persone disabili: vorrei che uscissero dalle loro case e venissero a vedermi, per gioire con me di queste conquiste".